Un nuovo progetto vede Lelio Bottero, impegnato  direttamente in produzione nel suo microbirrificio ubicato a Carrù (CN). Qui, con mani da artigiano, insieme alla sua famiglia, crea nuove birre come fossero libri da sfogliare e degustare, pagina dopo pagina, sorso dopo sorso.

Una buona birra artigianale non può che essere creata con le migliori materie prime (a partire dall’acqua) che sono il frutto di un territorio e delle sue tradizioni. In un mondo globalizzato la “difesa” delle proprie origini e della propria terra non è per noi solo una “moda”, ma una visione atta a valorizzare la microeconomia legata al mondo contadino ed alle piccole imprese locali. Con le nostre mani, dalla nostra terra, con agricoltori e malterie vicini a noi (geograficamente e ideologicamente) portiamo avanti il nostro sogno da cui nascono “il buon MALTO del Piemonte“e la “Bogia Nen“, la prima birra dove tutte le materie prime non escono, “non si muovono” (Bogia Nen nel nostro dialetto) dai confini piemontesi.

Battagliera

(APA)

Bionda, leggera, ma ricca di gusto. Un tagliere di formaggi, la calma della montagna.

Birra chiara da 4.8% alc.vol. Da gustarsi a 6-8 °C.

Vede nel profilo aromatico e nell’amaro, importante ma ben contrastato dall’eleganza e dalla finezza del dolce maltato, il suo punto di forza. Appartiene alla famiglia delle APA (American Pale Ale), leggera e dissetante ben si presta all’abbinamento con formaggi.


La “battagliera” è un luogo ben noto ai carrucesi. Qui si sono scritte alcune tra le più importanti pagine della storia del paese.

 

  • bottiglie da 33cl
  • fusti a perdere da 20l

Bianca Filanda

(Blanche)

Bianca, leggera, speziata. Un fritto misto di pesce, il rumore delle onde, il profumo del mare.

Birra bianca da 4,5% alc.vol. Da gustarsi a 6-8 °C.

Il sapiente dosaggio del frumento, oltre al classico malto d’orzo, le conferisce note fresche e fruttate, esaltate dall’impiego del coriandolo e della scorza d’arancio. Una blanche classica, ottima come aperitivo e come compagna di sushi e piatti a base di pesce.


Ben due le filande che nel secolo scorso rendevano “industriale” Carrù. Non poteva che essere una “bianca” a rendere loro omaggio.

 

  • bottiglie da 33cl
  • fusti a perdere da 20l

2Mila Piedi

(IGA)

Rossa, decisa, gustosa. Una bella grigliata di carne, la radio che suona, 4 amici.

Birra ambrata da 6,5% alc.vol da gustarsi a 10-12°C.

Una moderata luppolatura e l’utilizzo di un ingrediente legato alla nostra terra ne fanno, dal 2011, una delle prime Italian Grape Ale. Il delicato amaro, il corpo importante e la rotondità finale (dovuta al “particolare ingrediente“), la rendono indicata per piatti a base di carne.


“2mila piedi” è l’altezza ideale per “sorvolare” Carrù in mongolfiera ed ammirarne tutte le sue bellezze.

Ingredienti: acqua, malto d’ORZO, mosto di uva Moscato, luppolo, lievito

 

  • bottiglie da 33cl
  • fusti a perdere da 20l

Conte Griffo

(Belgian Pale Ale)

Ramata, intrigante, avvolgente. Una pizza verace, gli amici di sempre, l’allegria che scorre.

Birra color rame da 6,0% alc.vol. Da gustarsi a 6-8 °C.

La leggera speziatura e le note maltate, tipiche dello stile Belgian Pale Ale, la rendono gradevole e pericolosamente beverina. Da gustarsi al bancone del Pub, con gli amici dopo una giornata di lavoro, o in abbinata alle migliori pizze della nostra tradizione.


Il “Conte Griffo” era un personaggio carrucese dedito alla lettura e grande appassionato di Birra.

 

  • bottiglie da 33cl
  • fusti a perdere da 20l